PORTO SANT'ELPIDIO

Teatro delle Api

Via della Pace 7

Inizio spettacoli ore 17.00
Biglietteria aperta dalle ore 16.00

INFO E PRENOTAZIONI
334.7045739 – info@lagruragazzi.it
PREVENDITA ONLINE

BIGLIETTO UNICO € 5,00 (+ € 0,50 se acquistato online) 

2 LIBRI ESTRATTI A SORTE

Offerti da Libreria “Il Gatto con gli Stivali” – Porto Sant’Elpidio

31 OTTOBRE

HALLOWEEN CHILDREN PARTY

Spettacolo CINDARELLA VAMPIRELLA
Contest LA MASCHERA TERRIFICANTE

Ebbene si! Anche Dracula ha i suoi problemi familiari! Sua figlia Cinderella non ne vuol proprio sapere di tenebre, pipistrelli, castelli, cripte e di imparare a bere sangue, ma sogna una vita da casalinga in una bella casa moderna arredata di tutto punto! A peggiorare la situazione, c’è sua moglie: la dispotica Matrigna cattiva invidiosa di Cinderella, che vorrebbe liberarsi di lei.
E ancora il gobbo Igor, zotico e fedele servitore tuttofare dal cuore tenero incapace di far del male a Cinderella come invece vorrebbe la Matrigna. Sarà lui che riuscirà a farla scappare verso un mondo sconosciuto popolato da mostri, dove vivrà avventure al limite dell’impossibile e dove farà l’incontro che le cambierà la vita: un imponente e dolce drago di nome GRILL-GRILL.

Contest MASCHERA TERRIFICANTE
Quale sarà la maschera più spaventosa della festa?
Bambine, bambini e…genitori potete iscrivervi al contest al momento della prenotazione oppure direttamente in teatro. Una giuria di qualità decreterà i vincitori e assegnerà loro fantastici premi!

MUSICA, GIOCHI, DOLCETTI E…SCHERZETTI

4 DICEMBRE

FRANCO FRANKENSTEIN

Lagrù Ragazzi (Fermo)

Franco è un bambino come tutti gli altri. I suoi capelli castani e ricci sono come quelli di qualsiasi altro bambino castano e riccio. I suoi occhi azzurri e profondi sono come gli occhi di tutti i bambini che hanno occhi azzurri e profondi. È alto nella media, né troppo, né poco. Ha un bel sorriso, come i sorrisi dei bambini della sua età, quando riesce a sorridere. Ma nonostante Franco sia un bambino come gli altri, viene sempre preso in giro da tutti. La causa è suo cognome: FRANKENSTEIN!
Decide allora di costruirsi un amico robot con cui giocare ma questa scelta porterà solo guai a non finire.

Lo spettacolo prende spunto dal romanzo di Mary Shelley e tratta il tema della discriminazione e del bullismo da un punto di vista particolare, perché tutti possiamo diventare bulli, anche noi. E’ molto semplice prendersi gioco degli altri pur di appartenere a un gruppo e tutti cadono in questa trappola prima o poi; l’ importante è saperlo riconoscere. 
Attraverso l’utilizzo di pupazzi e oggetti vi portiamo una storia di amicizia, solidarietà e avventura, che vi farà ridere e commuovere.

15 GENNAIO

IL FOLLETTO MANGIASOGNI

Compagnia Fratelli di Taglia (Rimini)

Arriva un momento in cui la paura di fare brutti sogni può diventare un problema. I bambini si rifiutano di dormire nel loro letto, pretendono di stare in mezzo a mamma e papà e, in caso di rifiuto, sanno come essere convincenti.
In un bosco tutto bianco vive uno strano folletto è il Mangiasogni: un buffo ometto dal colore della luna, occhi sfavillanti come le stelle, bocca straordinariamente grande e soprattutto affamato di brutti sogni, che a lui piace mangiare con forchetta e coltello.
Ora è nel suo bosco e aspetta che un bambino lo chiami, per correre a mangiargli il brutto sogno.
Per chiamare il Mangiasogni però serve una formula magica… una filastrocca… alla quale il folletto non sa resistere…

12 FEBBRAIO

LA TESTA DEL CHIODO, UNA MAESTRA FANTASTICA

Compagnia Ranciaverdeblu (Tolentino)

Nel centenario della nascita del grande scrittore-poeta Gianni Rodari, tanto caro a grandi e piccini, Premio Andersen per la Letteratura Infantile che sapeva giocare con le parole, Rancia VerdeBlu si pregia di mettere in scena le sue filastrocche, in una fantasia per bambini in musica: TESTA DEL CHIODO – UNA MAESTRA FANTASTICA

Lo spettacolo si ispira a La testa del chiodo, azione scenica per bambini ideata da Virgilio Savona, dello storico “Quartetto Cetra”, che, su assenso dello stesso Rodari, nel 1994 mise in musica una serie di filastrocche, affidandone arrangiamenti e orchestrazioni ad Aldo Passarini, edite dalle Edizioni Curci di Milano. Ed ecco che Vestito di Arlecchino si veste di una marcetta un po’ clownesca, Calamaio di un languido valzer musette dal sapore parigino, Girotondo di tutto il mondo di un incalzante ritmo di samba degno del Carnevale di Rio.

Filo conduttore dello spettacolo musicale sono le parole delle filastrocche di Rodari. Esse coniugano l’assoluta necessità per i bambini di spaziare liberamente con la fantasia. Il suo linguaggio semplice e diretto, il suo stile ironico e delicato descrive emozioni e sentimenti e insegna ai bambini le cose importanti della vita, permettendo loro di arrivare alla profondità delle cose vere. Per questo motivo i suoi scritti riescono anche ad aprire il cuore degli adulti. “Immaginiamo una scuola e un gruppetto di scolaretti che con riluttanza si accingono a trascorrere un’intera mattinata in biblioteca. L’arrivo della nuova bibliotecaria si rivela però portatore di sorprese fantastiche. Con il suo aiuto la stanza dei libri si trasforma in una continua scoperta come una scatola magica: filastrocche, canzoni e giochi che, con la partecipazione del giovanissimo pubblico prendono vita in un susseguirsi di bizzarre situazioni.” (Ada Borgiani)